it en
 
 

da Sinodo di ottobre buon contributo per Chiesa “dal volto amazzonico”

09/03/2019 12:08
Descrizione
 
Contatti
 

Ambiente, card. Baldisseri /1: da Sinodo di ottobre buon contributo per Chiesa “dal volto amazzonico”

“Sono convinto che il processo sinodale che culminerà nell'assemblea speciale del prossimo ottobre darà un buon contributo nella costruzione di una Chiesa dal volto amazzonico e nell'implementazione di un'autentica ecologia integrale”. Lo ha dichiarato il cardinale Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei Vescovi, intervenendo al 15° Forum internazionale dell'informazione ambientale organizzato da Greenaccord Onlus e dalla Regione Toscana a San Miniato. Un appuntamento – quello del sinodo per l'Amazzonia – particolarmente urgente per intervenire contro la “profonda crisi causata da una prolungata ingerenza umana, in cui predomina una 'cultura dello scarto' e una mentalità estrattivista” ha spiegato il cardinale, citando i documenti preparatori del Sinodo. “La crescita smisurata delle attività agricole, estrattive e di disboscamento dell’Amazzonia non solo ha danneggiato la ricchezza ecologica della regione, della sua foresta e delle sue acque, ma ha anche impoverito la realtà sociale e culturale. Ha obbligato a uno sviluppo umano non 'integrale' né 'inclusivo' del bacino amazzonico”.

 

Amazzonia, card. Baldisseri /2: “Se abbatti una foresta, a rischio l'esistenza di un intero popolo”

Sull'Amazzonia, “la Chiesa si sente chiamata in causa da una situazione che richiede interventi urgenti e proposte creative”. Lo ha dichiarato il cardinale Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei Vescovi, intervenendo al 15° Forum internazionale dell'informazione ambientale organizzato da Greenaccord Onlus e dalla Regione Toscana a San Miniato. “La custodia del Creato è un tema inseparabile dalla custodia di ogni essere umano. Non possiamo più ignorare, ormai, che se abbatti una foresta, non solo puoi determinare conseguenze dannose per l’intero pianeta, ma puoi mettere a rischio l’esistenza di un popolo o, almeno, stravolgere fortemente le sue condizioni di esistenza su questa terra. Ripeto: non è solo l’ambiente naturale che viene ad essere distrutto. Viene sconvolta la vita di persone concrete e la cultura di cui sono portatori i popoli”.