Greenaccord.org

Associazione culturale per la salvaguardia del creato – Onlus

28 gen 2011
  • L’ecologia in città … dà i numeri:Gli indirizzi per vivere le metropoli a impatto zero Sono in libreria le terze edizioni di Eco in Città, le guide di Roma e Milano, ricche di luoghi, idee e ...
  • Evento Greenaccord crediti formativi giornalisti:Domenica 14 dicembre a Roma, presso la Casa di Santa Francesca Romana a Ponte Rotto in Via dei Vascellari 61, si terrà l'incontro CUSTODI RESPONSABILI ALLA RICERCA DELL'ARMONIA CON IL CREATO. L'iniziativa, ...
  • La risposta di @greenaccord al @Corriereit:Riportiamo il link all'articolo di oggi di Sergio Rizzo, sul Corriere della Sera e la risposta del presidente Cauteruccio Articolo originale: http://www.corriere.it/cronache/14_novembre_30/condoni-punti-relatori-corsi-burletta-giornalisti-fa422a40-7868-11e4-9707-4e704182e518.shtml LETTERE AL CORRIERE INTERVENTI E REPLICHE lettere@corriere.it sromano@rcs.it in copia a Rizzo Con preghiera di ...
  • La Creazione rivela il suo Creatore. Ciclo di incontri a Roma:L'Associazione Culturale Greenaccord Onlus è lieta di invitarti al primo di una serie di incontri organizzati con la Parrocchia San Gabriele Dell'Addolorata all'interno di un percorso culturale inserito in un programma ...
  • La scoperta dell’america, il Musical:La Compagnia Teatrale del CRAL Municipio Roma VII presenta ” La scoperta dell’America”Il Musical E’ il 12 Ottobre 1892. Ci troviamo a Roma dove si sta festeggiando I’ Ottobrata Romana,famosa festa popolare dell’ epoca. Nell’osteria ...

Senato Roma 2007 – Info

La Biblioteca del Senato fu istituita l’8 maggio del 1848 nella sede torinese del Senato, Palazzo Madama. Nel corso della sua storia, attraverso l’opera e le scelte gestionali e culturali di coloro che si sono succeduti nella sua direzione, ha acquisito una specificità funzionale e una fisionomia culturale del tutto peculiari, che ancor oggi rappresentano il fondamento della sua identità.

Già i primi regolamenti emanati dal Senato regio registrano una significativa attenzione per il Servizio della Biblioteca nel contesto dell’amministrazione della camera alta. Tappe fondamentali furono il recepimento nel regolamento del 1883 della proposta del senatore Cibrario (1863) di istituire una Commissione di vigilanza sulla Biblioteca; l’emanazione, nel 1892, del primo regolamento interno della Biblioteca; la sua separazione, col regolamento del 1900, dall’Archivio Storico del Senato.

Nello sviluppo delle collezioni, la Biblioteca ha coltivato due diverse anime: propriamente parlamentare la prima, di cultura storico-giuridica, con un patrimonio peraltro unico nel suo genere, la seconda. Pur sviluppando le proprie collezioni di carattere giuridico e politico per rispondere alle necessità dell’attività legislativa, essa ha contestualmente orientato la propria politica culturale verso l’acquisizione, retrospettiva e corrente, di opere di carattere storico, in particolare relative alla storia locale italiana e, in egual misura, di edizioni di fonti e documenti per la storia politica e giuridica italiana preunitaria, medievale e moderna. Negli anni intorno all’Unità iniziarono infatti a confluire in Biblioteca quelli che costituiscono oggi alcuni tra i suoi più pregiati e rari fondi speciali: il Fondo Antico di Storia locale, la Raccolta degli Statuti, le Leggi degli Antichi Stati Italiani.

Parallelamente all’accrescimento delle raccolte, la Biblioteca sviluppò gli strumenti di ricerca: due cataloghi a schede mobili, il catalogo alfabetico per autori e il catalogo topografico (ordinato per collocazione) rimasero a corredo delle raccolte nei trasferimenti da Torino a Firenze (1865) e da Firenze a Roma (1871).

Il catalogo a schede per autori continuò ad essere incrementato fino alla pubblicazione del primo catalogo a stampa, il Catalogo della Biblioteca del Senato del Regno (Torino, 1865), che fece conoscere le collezioni librarie del Senato del Regno all’esterno dell’istituzione, alle altre biblioteche e agli studiosi. Nelle edizioni successive del catalogo a stampa, nel 1879 e nel 1886, ampie sezioni furono dedicate alla Raccolta degli Statuti, a stampa e manoscritti, alla Storia locale, ovvero “Storia d’Italia particolare”, ordinata per località e agli Atti di Accademie e Atti di Parlamenti, il primo nucleo dell’attuale raccolta degli Atti accademici e delle Pubblicazioni Ufficiali.

Il grande Catalogo Metodico, a struttura classificata, manoscritto, garantiva infine l’accesso per materia. La compilazione del Metodico proseguì fino agli anni Settanta del Novecento, quando fu definitivamente sostituito dal catalogo alfabetico per soggetti a schede mobili, iniziato negli anni Trenta.